FINANZE - NEWS http://finanze.net NEWS it info@finanze.net info@finanze.net FINANZE RSS Feed Generator Borsa Americana, Qualche balzo Sorprendente Tre milioni di nuovi disoccupati non sono neanche stati notati ieri da mercati sempre più guidati dalla pancia, in su e in giù. Crediamo assisteremo ad un nuovo pesante ribasso quando si capirà che se anche in America il contagio potrebbe diminuire prima al traffico internazionale normale non si potrà tornare per lungo tempo. E' diventato come giocare i numeri al lotto, ma la borsa americana rimane l'unica su cui si può investire. Ho parlato con qualche industriale importante in questi giorni, non è chiaro a molti, al di là dei rimbalzzi registrati anche sulla borsa italiana, che in molti settori il fatturato scenderà del sessanta o settanta per cento. Ieri sera, ed è testimonianza di quanto bisogna prendere con cautela quello che si legge, dopo la riunione in teleconferenza dell'Eurogruppo in cui i paesi forti hanno rifiutato sia linee senza condizionalità che l'emissione di obbligazioni comunii, prima il Sole ha titolato che non vi era accordo poi ha scritto che vi era un primo accordo. Se la Germania non cede su almeno uno dei due punti questa volta, ed è questione di settimane, sarò la fine dell'Unione quantomeno in questa forma.   http://finanze.net/news-Borsa_Americana_Qualche_balzo_Sorprendente-5734.html Fri, 27 Mar 2020 07:51:00 GMT Stati Uniti, il Più Grande Piano di Stimolo della Storia, L'Italia non Può Fare Altrettanto Cinquecento miliardi di prestiti all'industria, duecento miliardi in tasca alle famiglie, duecento in quelle dell'industria sanitaria, sessanta per l'industria aereonautica. Queste le cifre più significative del piano da duemila miliardi di dollari varato dal governo americano. Una famiglia con due figli, i figli ricevono cinquecento dollari e gli adulti milleduecento, avrà a casa un assegno da tremilaquattrocento dollari. Alcuni economisti americani si spingono, e la borsa ha reagito violentemente, (Boeing ha fatto quasi il settanta per cento dai minimi e otterrà neanche un quarto di quello che aveva richiesto anche perchè con arroganza ha rifiutato di cedere una quota al Tesoro), a prevedere una ripresa già prima della fine della quarantena, tra poco più di un mese. Tutto ovviamente dipende da quando riaprono le aziende il che è funzione di quando il virus può essere considerato in diminuzione. Fino a che non si trova il vaccino però è bene ricordare che non vi è un ritorno alla libera circolazione possibile, soprattutto a livello internazionale. In Europa sembra che ognuno faccia per sè: i Tedeschi hanno varato il loro proprio stimolo contando sul fatto che emettere debito a loro non costa niente anzi emettono a tassi negativi. La Lagarde ieri apre ad una emissione una tantum di obbligazioni comunitarie: il che vuol dire che il debito sarebbe comune e verrebbe ripartito non in funzione dell'effettivo utilizzo ma del Pil dei rispettivi paesi. Possibilità che questo accada in dimensioni significative, per l'Italia si parla della necessità di almeno centocinquanta miliardi, il che vuol dire che la emissione complessiva si aggirerebbe intorno ai mille miliardi di euro, ne vediamo pochissime. Per ora e crediamo anche per molto tempo a venire l'Italia potrà solo contare su se stessa, cercando internamente le risorse. La unica vera sacca di liquidità che potrebbe essere messa a garanzia è quella del patrimonio delle fondazioni bancarie, diverse decine di miliardi: in periodi di crisi già Tremonti molti anni fa aveva provato ad utilizzarla ma fu fermato dai poteri forti; non vi sono molte altre soluzioni, se vogliamo sperare in qualche aiuto comunitario, difficIle comunque perché ora l'emergenza si diffonde ad esempio in Spagna che emetterà più debito perché ha conti più in ordine dei nostri, bisogna prima che utilizziamo tutto quello che c'è internamente. A nostro parere il rimbalzo delle borse è quasi finito: si sarà notato che ora la data in cui sarà rimosso il chiuso quasi totale non viene più divulgata e se si vuole prendere per buona l'esperienza della prima regione colpita in Cina, programmano di tornare alle attività produttive ad aprile, dopo circa cinque mesi dal contagio. Applicando il medesimo principio all'Italia non è molto logico pensare che i blocchi vengano levati prima di giugno o luglio. Nel frattempo però le aziende devono ripartire anche se in presenza di una domanda molto debole, contando soprattutto su quella che arriva dall'Oriente dove a Singapore, in Sud Corea e tra poco in Cina si torna ad una vità quasi normale: per consentirlo l'unica possibilità è che si facciano carico di sostenere privatamente il costo dei tamponi per tutti i dipendenti, per i calciatori e i loro tecnici i tamponi si sono trovati in cinque secondi, e che garantiscano all'interno degli ambienti di lavoro un ambiente sanificato. Ora si sente dire che la cassa integrazione arriverà tra un mese quindi i sindacati sono contrari, ma dubitiamo molto sia vero. E''Inps che deve erogarla e all'Inps già lenta di suo di personale in grado di lavorare in remoto con quei sistemi operativi ce n'è pochissimo. Se le aziende continuano a rimanere chiuse, ieri Draghi invoca la necessità che vengano fornite di provvista ma se non possono lavorare non è abbastanza,  si riparte da una situazione analoga al dopoguerra.  Nel frattempo le famiglie l'aiuto diretto che stanno ricevendo quelle americane non vi è autorità che possa garantirlo: per l'Italia un equivalente sarebbero circa sessanta miliardi, che non ci dà l'Europa e che sono molto di più di quanto sia stato toalmente stanziato dal governo, che è il massimo possibile se non vogliamo vedere schizzare i tassa al cinque per cento e creare ulteriori problemi alle famiglie soprattutto quelle con un mutuo o con tanti debiti.   http://finanze.net/news-Stati_Uniti_il_Pi_Grande_Piano_di_Stimolo_della_Storia_L_Italia_non_Pu_Fare_Altrettanto-5733.html Thu, 26 Mar 2020 08:00:00 GMT Borse, il Balzo di iIeri forse non Sufficiente Ieri balzo enorme di alcuni titoli che abbiamo inserito luned' mattina in portafoglio ma la volatilità è immensa e il piano americano sarà messo a dura prova dalla realtà. Il sistema non sta facendo abbastanza screening e due mila miliardi di sostegno sono tantissimi, ,a alcuni settori ne assorbiranno una buona quota, ad esempio le compagnie aerre. In Italia, ieri è stata una combinazione di altri mercati al rialzo e dati ufficiazli diffusi sul contagio. Quei dati non vogliono dire niente perché non abbiamo un sistema di screening efficiente: il tampone lo fanno subito a Maldini ma non al medico. E' oresto per abbandonarsi allìidea che i mercati possano rimbalzare molto, chi ha avuto la fortuna di comprare venerdì o ieri alcuni titoli del nostro portafoglio forse può vendere quelli che sono rimbalzati di più http://finanze.net/news-Borse_il_Balzo_di_iIeri_forse_non_Sufficiente-5732.html Wed, 25 Mar 2020 09:54:00 GMT Alcune Cose da Guardare per Capire Se Si Puo' iInvestire Mercati asiatici che volano la notta scorsa, qualcuno dice per lo stimolo monetario americano, che però non ha avuto lo stesso effetto sulla borsa americana. E' più probabile che si speri in una risoluzione oggi del criminale testa a testa tra Repubblicani e Democratici americani su chi esce meglio di immagine dalla approvazione, speriamo oggi, del programma di stimoli e in Giappone dal probabile annuncio stasera della Banca del Giappone di uleriori provveedimenti. Intanto non ci sono i soldi per fare i test, come d'altra parte accade da noi. Stimoli che in Europa, secondo la intelligente proposta di Conte, avrebbero dovuto venire da un piano comune, declinato o nella emissione di obbligaziioni con garanzia europea o in utilizzo comune del fondo salvastato, cui l'Italia ha tanto contribuito senza mai ricevere nulla in cambio. Viene invece la solita stucchevole posizione dei Tedeschi, che speriamo a questo punto il governo non accetti, per una linea di credito all'Italia "con limitata condizionalità" https://finance.yahoo.com/news/germany-ready-back-rescue-plan-162546959.html. Equivarrebbe al commissariamento allora subito da Grecia e, per le banche Spagna,: senza che in questo caso vi siano responsabiità attribuibili al paese, L'Italia cosa può fare di diverso in questa situazione. Oltretutto acccettarla sarebbe inutile perché oramai l'Italia può emettere tutto il debito che vuole e per quanto possa essere più difficle piazzarlo, gli operatori che detengono debito italiano possono vendere quello vecchio alla Bce, che può intervenire solo sul secondario e comprare quello nuovo. Non sarà certo più costoso delle condizioni capestro che imporrebbe la Germania. Le notizie sembrano positive sui contagi, ma va tenuto presente che a differenza di quanto è successo in Oriente dove sono stati fatti test di massa e tracciati gli spostamenti qui quanti sono contagiati nessuno lo sa. E' incredibile che alcune categorie abbiano accesso al test prima come i calciatori, dei medici. Ma questo dice che è presto per valutare la discesa della curva dei contagi, alcuni medici dicono che potrebbero essere non sessanta mila in Italia ma dieci volte tanto. Oggi si assisterà probabilmente a un forte rimbalzo. Prospettive e di investimento concrete, sino a che le aziende rimangono chiuse vi sono forse solo sui settori essenziali che continuano a lavorare: ma anche lì tranne che per il farmaceutico e l'alimentare, la domanda cadrà.             http://finanze.net/news-Alcune_Cose_da_Guardare_per_Capire_Se_Si_Puo_iInvestire-5731.html Tue, 24 Mar 2020 08:32:00 GMT Tassi Americani di Nuovo al Minimo Litigano al Senato americano sulla defiizione dello stimolo, gli esponenti delle due parti cercando di sembrano più belli di fronte ad elettori che in questo momento francamente se sono democratici o repubblicani non lo sanno più e non gliene importa molto. I tassi americani sul decennale sono ridiscesi sotto i settanta centesimi, segno che di nuovo vii è tensione nell'approvvigionamento di dollari. In Italia contagi e morti in diminuzione, ma alcuni epidemiologi parlano di un potenziale di centomila vittime per aprile. La realtà è che nesuno sa quanti siano i contagiati perché nessuno fa i tamponi, ogni cifra è un giocare numeri alla cabala. Abbiamo aggiornato il portafoglio americano che ora contiene solo titoli di settori che continuano a lavorare anche con la chiusura delle fabbriche. Non è una garanzia di nulla ma almeno si può pensare che le trimestrali di queste società saranno meno colpite. Come scritto nella newsletter, in matematici che studiano le curve di diffusione e epidemiologi la convinzione più diffusa è che servirebbero circa due mesi di isolamento completo, che poi andrebbe seguito da tamponi per tutta la popolazione per cui non ci sono le risorse. Con questa ricettta Singapore, la Corea del Sud, sono tornati a una relativa normalità. Fare centomila tamponi al giorno in Italia è quasi impossibile e comunque richiederebbe un anno o forse più per controllare tutti. Probabilmente bisognerebbe partire ad esempio dalle persone sopra i sessantacinque anni con patologie per in tre o quattro mesi arrivare a mappare i soggetti più a rischio. Ma questo richiederebbe che queste persone siano state davvero isolate almeno per il periodo di incubazione, tra le due e le quattro settimane. Stando molto attenti sicuramente si possono sfruttare questi momenti ma lo possono fare solo coloro che dei denari investiti si possono dimenticare per almeno un anno. L'Europa non è una opzione, dopo che la Germania ha annunciato i propri stimoli ognuno farà per conto suo; quello che all'Italia è stato passato come aiuto è la possibilità di fare più debito ma di socializzare i debiti degli stati più deboli, Italia e Grecia, non ci pensa nessuno. L'unione europea non esiste più.       http://finanze.net/news-Tassi_Americani_di_Nuovo_al_Minimo-5730.html Mon, 23 Mar 2020 06:58:00 GMT Fondo Salva Stati, Ottimo Conte Questa volta davvero apprezzabile l'intervento di Conte che indica l'unica via di uscita possibile, senza commissariamento per affrontare in modo comune l'emergenza: se tutti gli stati ne sono beneficiari allora non vi è commissariamento possibile e per la prima volta l'Europa lavorerebbe a un piano comune. Il piano della Bce ha mostrato ieri che non serve proprio a niente, sevono soldi diretti nelle taschedelle imprese e della gente. Sarà il test defintivo sull'Europa: se gli stati forti dicono di no sarebbe la fine dell'euro con gravissime conseguenze sulle economie di tutto i continente http://finanze.net/news-Fondo_Salva_Stati_Ottimo_Conte-5729.html Fri, 20 Mar 2020 06:48:00 GMT Bce, l'Europa non Esiste Più Nei giorni scorsi ho provato insieme ad un amico a partecipare a un bando europeo per un sistema per sanificare i locali pubblici che deriva da una applicazione industriale di questo mio amico. Il bando è stato annunciato il tredici di marzo con scadenza ieri diciotto marzo. Sul sito della comunità non è mai stato pubblicato, dunque abbiamo chiamato a Bruxelles inifinite volte e ci hanno risposto che avrebbero provveduto: nessuna risposta. Il bando metteva in palio centosessantasette milioni per piccole aziende. Vi sono solo due possibilità: o è stato assegnato ai soliti noti oppure il bando non è mai esitito. Il decreto lanciato dal governo è una presa in giro: la cassa integrazione ora che viene erogata passano mesi e nel frattempo le aziende falliscono.  La deroga sui mutui, che è solo per chi ha perso il lavoro espone chi la ottiene a un conto ben più salato quando riprenderà a pagare perché le banche addebiteranno tutti gli interessi pregressi a tassi doppi o tripli di quelli della rata. Certo non è facile fare qualcosa ma l'unica soluzione come diceva ieri Roubiini è mettere i sodi direttamente nelle tasche di cittadini e imprese.  Ci sono solo due modi per farlo: o lo stato ha un ampia possibilità di indebitarsi e noi non ce la abbiamo, larga parte delle misure sono solo di facciata, oppure la BCE cambia lo statuto e mette tra gli obiettivi il sostegno alla crescita, andando a prestare senza passare dal sistema bancario: semplicemente famiglie e imprese ricevono a casa un assegno. L'ipotesi che gira in questi giorni del fondo salvastati ci metterebbe nelle condizioni della Grecia di qualche anno fa, il governo italiano, di qualsiasi colore esso fosse  non deciderebbe più niente. La scorsa notte la Bce ha varato l'ennesima inutile, enorme, stupida iniezione di liquidità. Questa liquidità, derivante dal riacquisto di titoli dagli operatori rimarrà presso la banca centrale che guadagnerà una montagna di soldi per imprestarla alle banche, che lì la lasciano perché non hanno nessuna intenzione o possibilità di imprestarla a famiglie o aziende; che vedono il loro fatturato crollare del cinquanta per cento o più in alcuni settori. La Bce non può andare a comprare obbligazioni o titoli di stato da chi li emette quindi andrà a comprare quelli già esistenti dagli operatori   finanziari. L'Italia ha un futuro molto buio se non cambia lo statuto della Bce e perché questo accada bisogna che il virus colpisca in modo altrettanto serio i paesi forti. L'Europa non esiste e le manifestazioni di supporto della presidentessa della Comissione Europea sono prive di contenuto.       http://finanze.net/news-Bce_l_Europa_non_Esiste_Pi_-5728.html Thu, 19 Mar 2020 03:17:00 GMT Prima Industrie, Esempio di Società Italiana quotata in cui Il Private Equity Deve Investire  Il settore delle macchine laser e da taglio, una grandissima eccellenza italiana  è rappresentato tra le altre da Prima Industrie, l'azienda torinese guidata da persone di undubbio genio. Queste società sono troppo piccole per interessare i fondi, erano salite un pò con i Pir che però sono stati venduti a persone che non avevano una tolleranza al rischio per poterli sopportare. Sono società che hanno bisogno di azionariato stabile e di non preoccuparsi delle fluttuazioni di borsa: comunque tenere una società quotata in borsa costa tra mezzo e un milione di euro all'anno. Si parla continuamente di venture capital e di private equity e aziende come queste hanno necessità di avere investitori che hanno orizzonti temporali lunghi: sono persuaso che tra dieci anni Prima Industrie sarà leader mondiale nella stampa 3D su metallo. Devono nascere fondi ibridi, i cui investitori guardino a piccole società quotate come un investimento a cinque anni, senza preoccuparsi se scendono o salgono in borsa. Ci sono almeno venti nomi cosi' di società ottime che capitalizzano poche centinaia di milioni e che sono perse nelle isterie della borsa. E' ora di pensare a simili prodotti per dare l'opportunità di sviluppo che queste società meritano, i Pir non le faranno mai crescere. http://finanze.net/news-Prima_Industrie_Esempio_di_Societ_Italiana_quotata_in_cui_Il_Private_Equity_Deve_Investire-5727.html Tue, 17 Mar 2020 13:42:00 GMT Senza vera generosità non se ne esce Si fa un gran palrare di solidarietà ma tutto punta al contrario: ieri per conto di un mio amico ho passato mezza giornata a provare a partecipare a un bando della comunità europea https://ec.europa.eu/info/news/startups-and-smes-innovative-solutions-welcome-2020-mar-13_en dove si proporrebbe per la produzione di un disinfettante che è autorizzato in America ma non in italia come presidio medico per il virus. La notizia del bando è stata data il tredici marzo e scade domani sera, su sito della comunità non è stato caricato e al telefono non rispondono: al bando che mette teoricamente sul tavolo 164 milioni, non si riesce a partecipare.  I decreti in arrivo dal governo sembrano un modo per dire che si fa qualcosa, ma al di là del fatto che non sono stati approvati contengono regole di accesso proibitive, ad esempio per le partite Iva che volessero accedere ai seicento euro di aiuto.  http://finanze.net/news-Senza_vera_generosit_non_se_ne_esce-5726.html Tue, 17 Mar 2020 08:03:00 GMT Italia, Eventualmente Solo su Gruppi Internazionali Ier la Lagarde è stata sin troppo commentata, a me quello che più ha stupito nella conferenza non sono tanto le possibili gaffe quanto l'incompetenza: mettere un politico a fare il banchiere centrale è un grave errore, mai commesso prima. La guerra sul petrolio, scellerata forse non fa bene nenanche a chi la ha proossa: a questii livelli nonostante cinquecento quarantamiliardi di riserve nenache la Russia se la può permettere a lungo. Eni sotto sette euro non c'era nenanche nel 1995 al tempo delle privatizzazioni e nonostante le stupidaggini che dice la Marcegaglia, ha Davos ha sostenuto che il gruppo sarà a emissioni nette zero nel 2030, nessun gruppo internazionale si è azzardago a tanto, ha una valenza strategica perlo stato che è irrinunciabile, non fosse altro che per i dividendi che distribuisce.  Milano nonostante quanto si legge non ha alcun senso di coesione sociale: le grandi famiglie sono tutte al confino a Saint Moritz o a Portofino, la regina madre in Inghilterra divenne un mito perché non se ne andò da Londra durante i bombardamenti: la città è destintata temo a un periodo di ricostruzione per cui ci vorranno dieci anni. http://finanze.net/news-Italia_Eventualmente_Solo_su_Gruppi_Internazionali-5725.html Fri, 13 Mar 2020 09:16:00 GMT Oro, Chi Pensa Sia un Rifugio Compri Azioni delle Società non ETF Due i motivi per cui questo crollo, che con oggi in America arriverà al venticinque per cento e in Europa circa al trenta, potrebbe ancora vedere pesanti ripercussioni: -uno quello che Roubini ieri indicava, ovvero la quantità di emissioni enorme fatte da aziende con credito molto basso sfruttando i tassi di interese a zero: forse più in Europa che in America: ora ripagare diventa difficile; - il secondo la quantità di gestione passiva in circolazione: in questo giorni tante persone che detengono ETF sull'oro  perdono soldi non capendo come: sino a ieri l'oro era salito, stanotte è tornato a livelli più bassi. Con gli ETF si perdono soldi perché nessuno investe in oro fisico (vale per tutte le materie prime, anche per il petrolio) ma nel mercato dei future. Se il mercato a pronti sale molto può darsi che i future vendano molto a premio rispetto al prezzo del contante (da stamattina è vero il contrario, su alcune scadenze https://www.cmegroup.com/trading/metals/precious/gold.html). Quindi si compra alto e se il mercato scende, scende il pronti ma molto di più il future. Poi gli Etf in questo momento che sono prodotti dove la controparte è un operatore e non la borsa, vedono la differenza di prezzo tra chi compra e chi vende allargarsi molto. Gli Etf vanno bene quando tutto sale perché non vi sono problemi di liquidità e così in genere la gestione passiva, che è applicata dal novantanove per cento dei gestori che vendono prodotti attivi; in questo momento invece ci si può fare molto ma molto più male che con le azioni ed è tutto dire.   http://finanze.net/news-Oro_Chi_Pensa_Sia_un_Rifugio_Compri_Azioni_delle_Societ_non_ETF-5724.html Thu, 12 Mar 2020 10:42:00 GMT Italia, Serve Che la Bce Cambi lo Statuto I guru delle reti di vendita di prodotti finanziari dicono che è una occasione di acquisto irripetibile ma la situazione è molto diversa dal 2008: i tassi sono già sotto zero e i vari programmi di quantitative easing sono già stati avviati. Non lo sa nessuno se è una occasione di acquisto, perché gli eventi sono fuori dal controllo delle politiche monetarie, almeno di quelle possibili in Europa. Le ipotesi di revisione del mandato che la Bce ha avanzato sono deboli e giocano tutto su come far sembrare l'inflazione più alta: ora l'inflazione scomparirà dal vocabolario per i prossimi due anni, quantomeno in Europa, che conta il prezzo del petrolio nel paniere. La cosa più efficace che l'Europa  potrebbe fare, sarebbe promuovere una revisione del mandato della Bce con inclusione del sostegno alla crescita per le economie in difficoltà e la previsione di prestiti diretti a famiglie e imprese, la cosiddetta "helicopter money". L'altra possibilità è che i privati che hanno grandi patrimoni imprestino direttamente: alcune delle famiglie italiane soprattutto ex imprenditori farmaceutici hanno patrimoni liquidi tra i venti e i trenta miliardi, nelle mani di pochi. Poi vi è tutto il fermento del venture capital e di capitali sani che vi vengono convogliati: si è capito sin da prima dell'emergenza che se si vuole creare nuova imprenditoria non si può contare sul credito, servono capitali di rischio. Le reti di vendita di prodotti finanziari, pur guadagnando meno, dovrebbero essere portate a spingere più su prodotti in aziende non quotate. Dovrebbero nascere, come succede in America, prodotti ibridi che hanno quote in società non quotate e in piccole capitalizzazioni italiane: i Pir non servono invece a molto,  anzi ingessano i risparmiatori che magari di quei soldi hanno bisogno. http://finanze.net/news-Italia_Serve_Che_la_Bce_Cambi_lo_Statuto-5723.html Wed, 11 Mar 2020 05:35:00 GMT Un Po' per Volta, Grandi Opportunità sulla Borsa Americana e i Valori Energetici Europei Il petrolio qui a nostro parere non può rimanere perché farebbe fallire tutta l'industria americana e non è il genere di cose su cui Trump non impianta ritorsioni in particolare con l'Araboa Saudita che è suo partner storico. A quersti livelli e con l'imortanza che hanno i dividendi per il bilancio dello stato, Eni sembra davvero una buona occasione. Molti i farmaceutici e i servizi di cura sanitaria interessanti in America, oltre ad alucne aziende energetiche che sono ora a prezzi di fallimento. Calculateriskblog.com, il milgior previsore di cicli economici che abbiamo mai conosciuto, per la prima volta dal 2007 inizia a considerare la possibilità di una recessione: in quel caso saranno i settori con molta cassa, come appunto quello farmaceutico, a farla da padrone http://finanze.net/news-Un_Po_per_Volta_Grandi_Opportunit_sulla_Borsa_Americana_e_i_Valori_Energetici_Europei-5722.html Tue, 10 Mar 2020 10:19:00 GMT Petrolio, La Cosa Più Grave Arabia Saudita , stizzita dalla mossa russa sui tagi, che si alliena aumentando la produzione: lo scopo per i due paesi pur avversari è di sostituire la produzione americana che a questo livello proprio non può estrarre. Arriverà la risposta americana, andiamo senz'altro verso un livello di tensioni che con quello che sta succedendo andrebbero evitate, ma ognuno guarda al proprio orto.   http://finanze.net/news-Petrolio_La_Cosa_Pi_Grave-5721.html Mon, 9 Mar 2020 10:33:00 GMT Banca del Giappone, Probabilmente la Prima a Intervenire Di quello che fanno le banche centrali oramai sembra non importi più moolto a nessuo, i decennale americano è completamente disconness dal livello di tasso di sconto americano per quanto basso e la curva è invertita. Ieri Trichet, come sempre molto olitico, sostenenva che eera giusto la Bce non facesse nient perché in una azione concertata con la Fed avrebbe trasmesso senso di panico agli investitori. Se questa non è gia una situazione di panico c' da domandarsi qu<le possa esserla. Le banche centrali giapponese e americana possono ricorrere alla cosiddetta "helicopter moneu" ovvero possono saltare le banche e imprestare direttamente alla economia. La Bce no,e la rvisione della Lagarde sul mercato se arriva arriva a fine anno. Crediamo che più che lo yen, ieri Goldman Sachs si è afrettata a dire che in situazione di panico potrebbe arrivare a 95 contro dollaro, sarà l'euro a rivalutarsi: non perché l'economia vada bene ma perché è la banca centrale con le armi più spuntate in assoluto per intervenire ulteriormente a sostegno dell'economia. http://finanze.net/news-Banca_del_Giappone_Probabilmente_la_Prima_a_Intervenire-5720.html Fri, 6 Mar 2020 08:34:00 GMT Settore Farmaceutico, il Probabile Vincente Negli Stati Uniti In teoria il piano di Sanders per una sanità per tutti, che è sacrosanto, dovrebbe piacere al settore: ma se cos' fosse i pubblico riborserebbe molto meno della sanità privata quindi tutto il settore è stato molto sotto pressione in questo ultimo anno. Ora potrebbe salire molto, i margini delle compagnie farmceutiche sono spesso altissimi e purtroppo sono destinati a rimanerlo http://finanze.net/news-Settore_Farmaceutico_il_Probabile_Vincente_Negli_Stati_Uniti-5719.html Wed, 4 Mar 2020 09:36:00 GMT Finalmente le Borse, Dopo Dieci Anni, Ragionano E' durata dieci minuti ieri la euforia per il taglio a sorpresa dei tassi: la gente capisce finalmente che le politiche monetarie, non occupandosi di pbbligare le banche a imprestare alla economia reale, servono più a spingere la finanza che l'economia.  Ieri sera però si è limato uno dei rischi che le borse riengono più significativo ovvero una. possibile presidenza Sanders: che sia un bene o un male non è dato di saperlo anche se effettivamente Biden sembra il più moderato in mezzo ad alcuni dei suoi fanatici ex contendenti.  Oggi probabile grosso rimbalzo sulla borsa americana: la sensazione è che si possa tornare dopo dieci anni a guardare i fondamentali: dopotutto circa meta del S&P è costituito da titoli farmaceutici e energetici, che con un mercato che saliva a dopie cifre non hanno fatto assolutamente nulla negli ultimi cinque anni. E' in questi settori che probabilmente l'attenzione va concentrata: Tesla rimarrà senz'altro molto vicino o al di sopra del prezzo previsto per l'aumento di capitale ma forse il tempo della liquidità che finisce a pioggia sulle grandi capitalizzazioni è finito. Sono questi in periodo in cui l'approccio di metodi che guardano ai fondamentali funzionano meglio.   http://finanze.net/news-Finalmente_le_Borse_Dopo_Dieci_Anni_Ragionano-5718.html Wed, 4 Mar 2020 08:23:00 GMT Primarie Democratiche, Ora Biden Ha Quasi la Vittoria in Tasca Impresa titanica a questo punto per Sanders che ha tutti contro; i giovani che si ritirano come Buttigieg si alleano con Biden (era supportato da Zuckerberg) e Bloomberg non si ritira ma certo non sosterrà Sanders. In caso di vittoria di Biden oggi la borsa americana decollerà un'altra volta. Di casi di virus in America ce ne sono probabilmente quanti in Italia ma tra il fatto che la sanità privta costa e che i media sono un pò meno scandalistici  (con l'eccezione di Fox News che però sostiene Trump) se ne sentirà parlare meno. Se è vero che il virus incuba in due settimane dipo la quarantena di Milano da luedì è probabile che i guariti inizino ad eccedere i malati: molto probabile un rimbalzo generalizzato delle borse, con Milano però fanalino di coda.   http://finanze.net/news-Primarie_Democratiche_Ora_Biden_Ha_Quasi_la_Vittoria_in_Tasca-5717.html Tue, 3 Mar 2020 09:02:00 GMT UbiBANCA, Poco Prudente se la Bce Spingesse la Fusione La Bce ha la tendenza a creare maxicolossi ma in questo momento così delicato per l'Italia è fondamentale che le banche conoscano bene la loro clientela e si sa che nelle fusioni tra cambio di sistema informativo e licenziamenti si tagliano i costi ma non sempre si crea valore.  Se l'offerta non viene completata Ubi è ancora molto cara. http://finanze.net/news-UbiBANCA_Poco_Prudente_se_la_Bce_Spingesse_la_Fusione-5716.html Mon, 2 Mar 2020 10:26:00 GMT Twitter Prezzo 32,7 Entra Elliott con un miliardo di capitale e chiede la sostituzione del numero uno. Il titolo vende a diciassette volte gli utili e rispetto ai titoli tecnologici è molto a buon mercato http://finanze.net/news-Twitter_Prezzo_32_7-5715.html Mon, 2 Mar 2020 10:17:00 GMT Borsa Italiana . Ora Molto Rischiosa E'incredibile sentire, nella giornata di ieri due virologhi dare le due tesi opposte: quella della responsabile di virologia del Sacco, che trova le reazioni enormemnte ingigantite e e quella di Burioni, esattamente  opposta. Quello che è certo  è che l'Italia ora è tra i paesi additati come più a rischio e questo avrà un effetto enorme sulla crescita del Pil. Inoltre i titoli di stato, su cui insieme  a quelli della Grecia vi è stata una corsa agli acquisti pesante negli ultimi mesi, saranno probabilmente ora penalizzati in modo importante. Gli effetti sui numeri li vedremo tra qualche mese ma è certo che vi sia poco spazio per rialzi ulteriori della borsa italiana. I grandi vincitori, se così tristemente si può dire di questa emergenza più o meno gonfiata sono gli Stati Uniti: su quel mercato, dove nell'S&P il trenta per cento circa delle società appartengono al settore farmaceutico, rimangono le uniche possibilità di acquisto in borsa.   http://finanze.net/news-Borsa_Italiana_Ora_Molto_Rischiosa-5714.html Mon, 24 Feb 2020 07:57:00 GMT Ubibanca, Difficile Sia Accettata un'Offerta di Scambio Quali siano le motivazioni che possano spingere gli azionisti di Ubi ad accetatre azioni di Intesa per quelle di Ubi è difficile da vedere, senz'altro l'operaione sarà però benedetta da Banca d'italia dunque è possibile che venga accettata. Le previsioni di ricavi aggiuntivi di Messina sembrano realistiche alla luce degli ultimi risultati di Ubi. Se accettata la mossa metterebbe in fermento alcune piccole banche qutate come Ifis. http://finanze.net/news-Ubibanca_Difficile_Sia_Accettata_un_Offerta_di_Scambio-5713.html Tue, 18 Feb 2020 09:40:00 GMT Giappone, Meno Sei Per Cento di Pil Non c'è dubbio che gli Stati Uniti stiano recuperando supremazia mondiale utilizzando tutti i possibili attacchi alle altre prinicipali potenze economiche: nel mezzo della crisi provocata dal virus, l'amministrazione americana ha intensificato la battaglia contro l'adozione della tecnologia Huawei anche in Europa e aumentate le tariffe sulle importazioni di velivoli, per protegger Boeing in grande difficoltà. L'effetto complessivo delle politiche americane è un sicuro rallentamento per le economie mondiali, per ora più che compensato dalle quote di mercato che gli americani riescono a sottrarre a Cina ed Europa con le politiche dei dazi. La banca centrale americana continua a concentrarsi sugli obiettivi di inflazione modificando in via programmatica i modi in cui viene calcolata e lo stesso fa l'amministrqzione europea: sono altrettanto operazioni di cosmesi perché se i consumi non aumentano vuol dire che la crescita delle economie non consente un maggior reddito disponibile alle famiglie. Sintanto che le banche centrali continuanano a rispondere immettendo liquidità che poi finisce nelle mani degli operatori di borsa, l aborsa americana rimane l'unico posto in cui investire, in un mercato che assomiglia sempre più a una lotteria e che è sempre più monopolistico: i cinque titoli FAANG fanno il venti per cento della capitalizzazione di borsa e se si aggiungono Nvidia, Netflix, Tesla, arriviamo a circa un quarto della borsa su otto titoli.   http://finanze.net/news-Giappone_Meno_Sei_Per_Cento_di_Pil-5712.html Mon, 17 Feb 2020 09:53:00 GMT Inchiesta della Sec su Tesla, Ciò che Definirà il Corso dell'Anno I conti dell'ultimo trimestre 2019 ci sono subito parsi non conformi ai principi contabili con una anticipazione dei ricavi su contratti . di leasing a lungo termine e una scorretta rappresentazione del debito; hano però portato il titolo a più che raddoppiare da inizio anno e ora la Sec mette in dubbio che fossero reali o preludessero invece all'aumento di capitale di ieri.  L'atteggiamento che prenderà la commissione di borsa sarà decisivo per il corso dell'anno: se prendono la decisione corretta iltitolo può dimezzarre in breve termine altrimenti, se la decisione sarà politica il mercato nel suo  complesso continuerà a essere dominato dalle speculazioni http://finanze.net/news-Inchiesta_della_Sec_su_Tesla_Ci_che_Definir_il_Corso_dell_Anno-5711.html Fri, 14 Feb 2020 08:30:00 GMT Portafoglio America, Inizio Anno Incredibile Ci siamo senz'altro persi tante cose che secondo noi non hanno senso, da Tesla a Netflix a Nvidia. Perrò nel decimo anno di attività il portafoglio americano batte gii indici di circa il cinquanta per cento ed è senz'altro il mercato dove il metodo Greenblatt è più applicabile, perchè al di fori della bolla sui titoli tecnologici, la borsa continua a ragionare, a differenza di quello che succede in Europa. Aumentiamo il peso dei petroliferi in portafoglio che secondo noi saranno la grande sorpresa del 2020 http://finanze.net/news-Portafoglio_America_Inizio_Anno_Incredibile-5710.html Fri, 7 Feb 2020 12:13:00 GMT Stati Uniti, Tutto Funziona A Davos la Marcegaglia ha presentato il piano di Eni per diventare "carboN neutral" entro pochi anni; dettagli nessuno tranne che il piano avrebbe varie declinazioni: sostituzione dellel biomasse con il petrolio in Africa, ritenuto meno rischioso, e trasformazione verso le energie sostenibili in Europa. Quasi nssuno parla di nucleare che è l'unica energia pulita che può davvero sostituire in modo significativo il petrolio, solo i Giapponesi nonostante il recente passato credono ancora a centrali nucleari pulite, otre a Bill Gates. Si fa intanto largo in Iran l'ala radicale che spinge per un ritiro degli Americani dall'Iraq. In tutto questo cumulo di cose che non hanno nessun senso se non quello di condizionare contiuamente l'opinione pubblica, forse la unica cosa c he sta andando non bene a Trump è il settore petrolifero domestico. Riteniamo che a questi prezzi ci sia valore sia in alcune grandi compagnie che in altre più piccole come ConocoPhillips o più speculative come Chesapeake . Ma servono prezzi del petrolio più alti che possono solo venire dalla domanda cinese agli Stati Uniti. Con la mossa della scorsa notte di abbassare le tariffe sui prodotti americani i Cinesi si mostrano senz'altro deboli agli occhi americani. Un'altra vittoria per Trump, che non si può ascoltare, il discorso alla naizone dell'altro giorno un misto di sciovinismo e demagogia ma che obiettivamente  dal punto di vista dell'economia americana, forse non di quella globale, ne sta imbroccando tante.   http://finanze.net/news-Stati_Uniti_Tutto_Funziona-5709.html Thu, 6 Feb 2020 09:07:00 GMT Coronavirus di Colpo Nessuno ne Parla La reazione dei governi rischia di essere un detereente alla crescita maggiore della minac cia del virus: dall'inizio del suo manifestarsi vi sono circa trecento vittime e i casi sospetti sono praticamente tutti isolati: nello stesso periodo sono morte sette mila persone di influenza. L'amministrazione americana è veramente abile nella comunicazione di massa: dopo il disastro dei caucus democratici in Iowa, dove non vengono comunicati i risultati probabilmente perché imbarazzanti per il partito e la fine dell'impeachment, di probabilità che Trumo perda le elezioni ve ne sono pochissime. http://finanze.net/news-Coronavirus_di_Colpo_Nessuno_ne_Parla-5708.html Tue, 4 Feb 2020 09:10:00 GMT Tesla, Qualcosa che la Sec Dovrebbe Indagare L'unica altra volta nella storia di borsa in cui si è assitito a un rialzo come quello di Tesla è stato durante il boom di Internet con AOL: ma i volumi non avevano niente di paragonabile. Ieri sono stati scambiati circa trentacinque miliardi di dollari su una capitalizzazine che oramai non è distante da quella di Toyota ed è saldamente la seconda capitalizzazione al mondo nel settore oramai distanziando Volkswagen, in sole tre settimane, di crica il trenta per cento. I motivi addotti ieri sono l'accordo per produrre batterie in Cina, perchè Panasonic è vicnolata a vendere loro solo in America, la nuova previsione a sette mila per il prezzo del titolo, il fatto che iil produttore di batterie giapponese abbia iniziato a fare un utile sulle vendite a Tesla. Si diceva che di azioni alo scoperto ce ne fossero l'altro ieri ancora il quindici per cento dunque se ieri si è sacmbiato il venticinque per cento c'è qulcuno che sostiene il titolo artificialmente. Tutto tra l'altro nel giorno in cui escce una lettera della commissione dei trasporti europea in cui si accusa Musk di tacere i problemi del pilota autonomo, che esporrebbe i guidatori a gravi rischi e rende l'idea di trasformare il settore automobilistico in una flotta di taxi a guida autonoma veramente imrprobabile. Volumi come quelli di ieri non se ne possono più scambiare pechè ora lo short dovrebbe essere davvero ai minimi. L'amministrazione americana ha tutto l'interesse a sostenere la corsa dell'automobilistico ma  chiede nuovi impianti in America e questo richiede di vendere altre azioni sul mercato.         http://finanze.net/news-Tesla_Qualcosa_che_la_Sec_Dovrebbe_Indagare-5707.html Tue, 4 Feb 2020 08:47:00 GMT Virus, il Pretesto che i Mercati Cercavano Le stesse Nazioni Unite si sono schierate contro la chiusura delle frontiere che sembra più un attacco diretto al dilagare della potenza economica cinese che una reazione razionale. Ceerto non si possono mettere tutti in quarantena e alla fine i politici reagiscono con i mezzi della propaganda. Dall'altra parte ora Trump sembra addirittura rivolgere contro Biden la vicenda dell'impeachment: opinione pubblica completamente indifferente al fatto che non siano stati ammessi testimoni al Senato: Trump veleggia verso una rielezione quasi sicura a meno che i mercarti finanziari ora crollino. La varaibile critica è il prezzo del petrolio: alcune aziende come Chesapeake  che pur tormentat trattano a un quarto del loro valore contabile e come avviene per il virus, siccome ora tutti parlano di riscaldamento globale il petrolio è il nuovo nemico. Di colpo la finanza, le banche centrali diventano i paladini della lotta contro il rriscaldamento globale. Nessuno dice che la principale fonte di emissioni sono gli allevamenti intensivi. Sarà interessante vedere se Tesla, che è triplicata di prezzo sulle fantasie dello sviluppo cinese, rimarrà immune anche a questa vicenfa che per quanto ingigantita avrà senz'altro un impatto sulle economie globali. I tassi sganno scendendo in America se il dolalro non si indebolisce qui non lo farà mai più. http://finanze.net/news-Virus_il_Pretesto_che_i_Mercati_Cercavano-5706.html Mon, 3 Feb 2020 07:33:00 GMT Se il Senato Apre alla Testimonianze Sarà la Più Grande correzione dal 2008 E' il momento in cui con ogni probabilità il lungo cilco econo ico probabilmente si inverte: non sarà più possibile calmieraqre i mercati con inieioni di liquidità se l'epidemia cinese blocca progressivamente porti di entrata e se i Democratici riescono a convincere quattro Repubblicani ad ammettere testimoni al Senato.abilità sono enormemente salite nel corso degli ultimi giorni e crediamo che se entrambe le circostanze si avverano potrà vedersi un attacco alle milizie americane in Iraq. Le tre cose insieme crerebbero la più grossa caduta di borsa dal 2008.     http://finanze.net/news-Se_il_Senato_Apre_alla_Testimonianze_Sar_la_Pi_Grande_correzione_dal_2008-5705.html Mon, 27 Jan 2020 11:40:00 GMT Volatilità, probabile Enorme Balzo I mercati si dimenticano tutto subito ma chiaramente l'epidemia cinese porterà rallentamento negli scambi commericali. La situazione politica italiana inciderà senz'altro sugli spread e sull'andamento di borsa, nononstante i lancio dei nuovi Pir. L'impeachmenti infine è tutt'altro che un gioco, nonostante tutti i tentativi di rendere l'inchesta poco invasiva. Le valutazioni del settore tecnologico americano sono da capogiro e i risultati di Tesla la prossima settimana dovranno svelare i trucchi contabili che possono essere usati sulle trimestrali ma non sul bilancio consuntivo. Le banche centrali infine non saranno in grado questa volta di calmierare la volatilità dovesse come prevediamo esplodere nelle prossime settimane.   http://finanze.net/news-Volatilit_probabile_Enorme_Balzo-5704.html Thu, 23 Jan 2020 08:56:00 GMT Impeachment, Quello che Può Ribaltare i Mercati Senza questo passaggio la questione è già risolta senza conseguenze per Trump. Ma ci sono già tre Repubblicani disposti ad ammettere le testimonianze al Senato, senza le quali altrimenti questo sarebbe il primo caso nella storia, dopo che in entrmabi i casi precedenti furono ammessi. E' questo il motivo principale che può interrompere la crescita stellare dei mercati. Invieremo la newsleter settimanale giovedì per comprendere dalle prime battute quali siano effettivamente le probabilità che questo avvenga.   http://finanze.net/news-Impeachment_Quello_che_Pu_Ribaltare_i_Mercati-5703.html Mon, 20 Jan 2020 09:08:00 GMT Accordo, Favorite le Esportazioni di Petroli Americane Il nondo si interroga sui sostituti agli allevamenti intensivi, responsabili di un quaerto circa delle emissioni globali e su come ridurre i consumi energetici ma la Cona si impegna a forti iportazioni proprio di queste due cose che in America sempre meno gente vuole. Ci aspetteremmo che questo dia una grande mano alle società petrolifere americane, da cui la Cina importerà diciannove miliardi di dollari al mese; combinato con le sanzioni all'iran e i tagli alla produzione Opec, il petrolio potrebbe risalire parecchio. Forti cambiamenti di rating su Tesla oggi Morgan Stanley esce con un giudizio di vendita. I mercati si muovono senza logica se non uella della liquidità ed è una cosa su cui anche la Fed prima o poi dovrà riflettere. http://finanze.net/news-Accordo_Favorite_le_Esportazioni_di_Petroli_Americane-5702.html Thu, 16 Jan 2020 11:19:00 GMT Mercati in Bolla, I Debiti la Faranno Scoppiare Questa settimana gli articoli per l'impea chment vengono presentati al Senato e la quantità di emissioni obbligazionarie effettuatr nella prima parte di gennaio porta il conto a circa tre volte il Pil mondiale come quantità di debiti rispetto al prodotto lordo del paese: un tale rapporto viene considerato critico per una azienda lo è a maggior ragione per l'economia mondiale. I rialzi non possono più essere sostenuti http://finanze.net/news-Mercati_in_Bolla_I_Debiti_la_Faranno_Scoppiare-5701.html Tue, 14 Jan 2020 07:52:00 GMT Medio Oriente, Tutto Risolto? Incredibili il passaggio dal terrore all'euforia vissuto in poche ore dalle borse: tutti danno oramai per definitivo il ritracciamento delle posizioni iraniani anche se ieri sera Twitter riportava di attacchi alll'ambasciata americana in Iraq. Sembrerebbe incredibile che l'Iran, descritto ieri sera nel discorso di Trump come impotente, accetti supinamente una tale umiliazione, che davvero non pareva necessaria: soprattutto perché colpito da ulteriori sanzioni. E' probabile invece che se le reazioni non sono più ufficiali la reazione avvenga da parte di organizzazioni terroristiche. Non condivideremmo l'entusiasmo di ieri sui mercati mentre Tesla ieri, incredibilmente, sorpassa Volkswagen, che ha in produzione più auto elettriche dell'azienda americana, per capitalizzazione http://finanze.net/news-Medio_Oriente_Tutto_Risolto_-5700.html Thu, 9 Jan 2020 09:03:00 GMT Mercati Inconsapevoli Siamo molto, molto vicino a qualcosa di grosso per le borse: gli eccessi sono palpabili, ieri le borse si sono comportate come se la vicenda Iran fosse una rissa di paese, già risolta.  Tesla, sullo show di Musk in Cina, vale oramai il due per cento meno di Volkswagen, con un trentesimo del fatturato, perdite certe anche per l'ano appena chiuso rispetto a dieci miliardi e mezzo di utile del gruppo tedesco. Poi rimane solo Toyota a valere di più in borsa. Le vendite di auto elettriche in Cina sono in forte discesa e evidentemente vi è un algoritmo che spinge i prezzi del titolo; che prima o poi salterà. Oggi forse le borse prenderanno un pò più sul serio le tensioni in Medio Oriente: la Russia è a un passo dall'intervenire a favore dell'alleato iraniano mentre per quanto i partner Nato si distanzino dall'iniziativa americana, pur non condannandola, saranno proprio le  nazioni europee a subire le conseguenze economiche maggiori.   http://finanze.net/news-Mercati_Inconsapevoli-5699.html Wed, 8 Jan 2020 05:33:00 GMT Iran, Reazione Apparentemente Controllata L'Iran non avrebbe intenzione di rispondere militsrmente, e sarebbe una enorme vittoria per Trump, ma sono troppe le dichiarazioni pubbliche in favore di una soluzione relativamente pacifica. Per gli Stati Uniti l'interesse più grande da tutelare sono i rifornumenti militari all'area, che andrebbero in larga parte eprsi con un ritiro delle truppe in Iraq. Da diverse parti si parla di un possibile attacco nformatico, ma crediamo si stia sottovalutando il pericolo di una reazione pesante.   http://finanze.net/news-Iran_Reazione_Apparentemente_Controllata-5698.html Tue, 7 Jan 2020 09:13:00 GMT Attacco USA In Iran, Assist per il Petrolio Americano E' probabilmente quello il motivo rincipale per l'uccisione di ieri: l'industria petrolifera americana sarebbe netta esportatrice ma molte società come Chesapeake sono in difficoltaà: dieci dollari in più sul petrolio cambierebbero completamente lo scenario http://finanze.net/news-Attacco_USA_In_Iran_Assist_per_il_Petrolio_Americano-5697.html Fri, 3 Jan 2020 08:44:00 GMT Chesapeake, Energy, Società Molto Indebitata Ma Che Può Raddoppiare in Borsa Il produttore di shale oil americano è, per ammissione stessa della direzione, a  rischio di sopravvivenza, dopo anni di acquisizioni eccessive e un tasso di indebitamento molto elevato. Le recenti operazioni di ristrutturazione del debito per circa un quarto del complessivo e la necessità di fornire al NYSE che la quota tra i suii titoli  entro sei mesi da dicembre scorso un piano per riportqre il titolo sopra il dollaro rappresentano a nostro parere una grande occasione di rilancio: è sufficiente che il prezzo del petrolio continui a manteneresi o salga da questi livelli perché la società generi un buon flusso di cassa. Molte idee per grandi rialzi in borsa quest'anno è difficile averne e il fatto che il dollaro abbia iniziato a indebolirsi segnala a nostro parere un deflusso di capitali dalla borsa americana. http://finanze.net/news-Chesapeake_Energy_Societ_Molto_Indebitata_Ma_Che_Pu_Raddoppiare_in_Borsa-5696.html Thu, 2 Jan 2020 09:06:00 GMT Tesla, Vale Più di Ford e General Motors Messe Insieme L'altro ieri l'analista che più ha seguito Tesla, quello di Morgan Stanley, esce con una forchetta di prezzo tra 10 e 500 per il titolo: in altri tempi uno così sarebbe stato licenziato all'istante; ora comprano tutti perchè tutti comprano e la società è arrivata a valere ottanta miliardi di dollari in borsa: tutti si sono dimenticati che Musk, a lui stesso il prezzo di 420 sembrava una follia, aveva detto che i fondi per levarla dal mercato a quel prezzo li avrebbe trovati. Siamo in una bolla senza paragoni che rientrerà con i dati del primo trimestre. Intanto è davvero ora di uscire dall'azionario per quanto riguarda almeno i titoli tecnologici, i valori sono folli http://finanze.net/news-Tesla_Vale_Pi_di_Ford_e_General_Motors_Messe_Insieme-5695.html Fri, 27 Dec 2019 09:19:00 GMT Impeachment, Tutti lo Danno Come una Formalità Forse non Lo E' Il timore dei Democratici che tutto si risolva in un facile insabbiamento è espresso chiaramente dal voler formulare attentamente le accuse in modo di non farsi rintuzzare con effetti politici negativi. E' il terzo Presidente nella storia e nel mondo mediatico di oggi niente sembra contare, ma certamente se questa cosa verrà insabbiata leggermente l'America perderà enorme credibilità sul piano internazionale. Le borse sembrano non accorgersi neanche di una cosa che una volta avrebbe sconvolto il mondo per mesi. Tesla in particolare veleggia a livelli di follia che forse ci vorranno i prossimi dati delle vendite per far rientrare; ma per la prima volta da un anno ora staremmo fuori dal mercato almeno sino a fine gennaio, quando le cose saranno più chiare. http://finanze.net/news-Impeachment_Tutti_lo_Danno_Come_una_Formalit_Forse_non_Lo_E_-5694.html Thu, 19 Dec 2019 14:43:00 GMT Sterlina, Nuova Opportunità sull'Obbligazionario Ora si parla di linea dura da parte di Johnson ma non crediamo lo sarà e manteniamo ancora forti dubbi che Brexxit avvenga del tutto. La sterlina ha perso il quattro per cento in questi giorni dopo l'euforia di giovedì e sull'obblgazionario rappresneta a nostro parere buon valore. http://finanze.net/news-Sterlina_Nuova_Opportunit_sull_Obbligazionario-5693.html Wed, 18 Dec 2019 10:15:00 GMT Fca.Peugeot, Probabili Ulteriori Consolidamenti Sarà il quarto gruppo industriale del settore al mondo ma senz'altro con forte ritardo nella conversione più o meno giusta all'elettrico https://motori.corriere.it/motori/attualita/19_dicembre_13/sorpresa-tesla-model-3-elettrica-inquina-piu-un-auto-diesel-7d8a5ae8-1d8d-11ea-a6e9-db5db58fc7bb.shtml. I numeri di Tesla sono ridicoli e i diesel di nuova generazione emettono meno C02 della Tesla 3. Eppure il carro si è oramai mosso in modo inarrestabile: Bloomberg prevede, secondo noi un delirio, centocinquantamilioni di veicoli elettrici per il 2050: non basterebbero tutti i giacimenti di litio, uranio e coballto al mondo e l'impatto ambientale sarebbe devastante. Uno dei primi pbiettivi del nascente gruppo dovrebbe essere dunque quello di lavorare al riciclo delle batterie https://www.vaielettrico.it/riciclo-delle-batterie-la-soluzione-e-in-un-brevetto-italiano/ dove solo Bosch e Volkswagen sono all'avanguardia.  A tendere il nascente gruppo non è certo uno degli innovatori sul mercato per cui useremmo la forza sul titolo FCA per prendere profitti. http://finanze.net/news-Fca_Peugeot_Probabili_Ulteriori_Consolidamenti-5692.html Wed, 18 Dec 2019 09:29:00 GMT Lagarde, Possibile Revisione del Mandato Sino ad ora gli interventi sono stati indirizzati a spingere la spesa per investimenti nei paesi forti e a trasformare l'economia verso un sistema a zero emissioni (come al solito i limiti sono sempre oltre la vita possibile di chi li propone, parliamo del 2050). Per ridurrre le emissioni si dovrebbe mangiare meno carne, nessuno parla dell'agricoltura, spendere più tempo a capire come riciclare le batterie, così lo sviluppo dell'auto elettrica è insostenibile, vivere a diciotto gradi in casa e guidare di meno. Ma con tutta la retorica del caso una spinta della Lagarde in questa direzione aprirebbe a un mandato duale della BCE dove quindi la banca centrale interviene anche a sostegno dell'economia, che è l'unico modo per creare inflazione.   http://finanze.net/news-Lagarde_Possibile_Revisione_del_Mandato-5691.html Thu, 12 Dec 2019 09:40:00 GMT OVS. Italiani Sempre Più Poveri Sostituiamo oggi il titolo che comunque è andato discretamente da quando lo abbiamo inserito; l'azienda è certamente ben gestita ma il calo nei conti è il sintomo di un'Italia sempre più polarizzata: i marchi del superlusso vanno benissimo, recnete l'interesse di Moncler per Kering, mentre chi può spendere poco è sempre più povero. Usciamo dal settore con una scommessa un po' azzardata su un titolo che a nostro parere ora non riflette nenanche il valore patrimoniale dell'azienda, anche se in termini di multipli è caro http://finanze.net/news-OVS_Italiani_Sempre_Pi_Poveri-5690.html Thu, 12 Dec 2019 09:09:00 GMT Aramco, Cosa C'E' di Sbagliato nei Meccanismi di Quotazione E' lo stesso meccanismo che porta alle quotazioni folli dei titoli della tecnologia; viene fatta flottare in borsa una percentuale minima dei titoli, in modo da poter applicare all'intera capitalizzazione le medesie valorizzazione. Il pco che viene fatto flottare rimane saldamente in mano ad alcuni investitori istituzionali che ne controllano il prezzo. Poi gradualmente si portano in borsa altri pochi punti percentuali del capitale e si fanno entrare gli investitori privati, che a quel punto entrano a valutazioni da bolla. Se si facesse flottare il dieci per cento almeno del capitale nessuno pagherebbe queste folli valutazioni; è un meccanismo che à di controllo ma che viene accordato  alle autorità di controllo ma che viene accordato perché le banche di affari così possono incassare enormi commissioni, a valere sull'intero capitale di borsa; operazioni come queste rendono alle banche più o meno quanto è il valore del capitale flottato in borsa. http://finanze.net/news-Aramco_Cosa_C_E_di_Sbagliato_nei_Meccanismi_di_Quotazione-5689.html Wed, 11 Dec 2019 08:58:00 GMT Mai un Fine Anno Così Denso di Eventi Domani sera Powell non dirà molto di nuovo probabilmente ma vi è  senz'altro una dicotomia tra andamento dell'occupazione molto foerti e indici manifatturieri e dei servizi in discesa verticale.  Giovedì la Lagarde, se vuole provare a imporre questo nuovo fuco della Bce sulle politiche ambientali, dovrà fornire una ipotesi completamente nuova del ruolo della banca centrale, più siile a quello della controparte americana: di sostegno al'economia oltre che di controllo dell'inflazione: il risultato potrebbe essere la tanto attea svalutazione del dollaro. Pochi dubbi su chi vincerà le elezioni in Gran Bretagna, i Laboristi non si sa neanche se vogliano rimanere o andarsene, e buone possibilità se il processo sarà finalmente ordinato, per un forte rialzo della borsa inglese. Sui dazi non ci aspettiamo grandi cose, fintanto che i dati di occupazione amerciana rimangono così forti Trump ha pochi incentivi ad accelerare sulle negoziazioni. http://finanze.net/news-Mai_un_Fine_Anno_Cos_Denso_di_Eventi-5688.html Tue, 10 Dec 2019 10:21:00 GMT Lagarde, Oggi Primo Intervento sulla Politica Monetaria L'Europa dopo i risultati elettoriali tedeschi e la spinta "verde" della Lagarde e del ex ministro dell'ambiente sembra a trazione francese e dunque attenderemmo un rinnovato sollecito all'uso di politiche fiscali più espansive da parte degli stati richhi, in particolare la Germania. L'euro da due settimane è nella fase storica di minore volatilità di tutto l'anno mentre in questa entramnte potrebbe vedere grossi movimenti, con la pubblicazione di vari indici manifatturieri, quello cinese buono appena pubblicato, quelli europei e americano oggi e i dati di occupazione americana venerdì. Oggi si avranno indicazioni sui risultati delle vendite al dettaglio nella giornata di venerdì scorso, risultati che influenzeranno senz'altro l'andamento del comparto per tutto il mese. http://finanze.net/news-Lagarde_Oggi_Primo_Intervento_sulla_Politica_Monetaria-5687.html Mon, 2 Dec 2019 09:17:00 GMT Nuovi Pir, Minori Incertezze Prima Industrie, Datalogic, EL.En, Sesa, sono alcuni dei titoli che hanno iniziato a muoversi con impeto. La norma ora limita al 25% del 70% l'investimento in società medio piccole quotate, contro il 30% originario  ma leva una cosa che faceva molto paura ai piccoli risparmiatori ovvero l'imposizione di investire in veicoli non quotati, dove potevano finire varie poste incagliate del debito allargato dello stato. Complessivamente ci aspettiamo che il mercato si sposti da banche e servizi di pubblica utilità a questo segmento, che potrebbe vedere recuperi a dopiie cifre nei prossimi mesi. http://finanze.net/news-Nuovi_Pir_Minori_Incertezze-5686.html Wed, 27 Nov 2019 10:58:00 GMT Lagarde, un Altro Appello Inascoltabile alla Germania Il principio è giustissimo, se poi però l'Italia brucia una stima di altri quindici miliardi all'anno tra ilva e Alitalia e si discute di Unione Bancaria però non accollandosi internamente la propria parte di debito pubblico, sicuramente i Tedeschi non ci stanno. D'altra perte ls Bce non è senz'altro disposta a lasciare che i tassi in Italia risalgano dunque continua con un QE che non porterà mai inflazione e  consumi ma che formalmente mette i suoi funzionari in pace con la coscienza. Davvero mai periodo più buio per la politica e le istituzioni, nei giorni scorsi ultimo tristissimo capitolo il dibattito televisivo in Gran Bretagna tra Corbyn e Johnson fatto di proclami, interruzioni reciproche  e nessuna risposta seria. Johnson non ha la più pallida idea di come finanziare i programmi di spesa pubblica nella educazione, la sanità il servizio pubblico annunziati, Corbyn ha presentato un manifesto di statalizzazioni e maggiori tasse che deprimerebbe ulteriormente i consumi. Senz'altro esiste un tema di diseguaglianza enorme in Gran Bretagna, ma si puà affrontare solo con una tassazione sui patrimoni del tipo di quella che la Warren sta proponendo negli Stati Uniti. Tassare i redditi correnti con cose come la digital tax è inapplicabile. il web non ha confini geografici. Se non si conclude la diatriba sui dazi e non si procede a un serio programma di spending review in Italia, le borse continueranno, sia in Europa che negli Stati Uniti a premiare le promesse sulla realtà. http://finanze.net/news-Lagarde_un_Altro_Appello_Inascoltabile_alla_Germania-5685.html Fri, 22 Nov 2019 10:56:00 GMT